Montespertoli

 – COMUNE DI MONTESPERTOLI –

Montespertoli è un comune italiano di 13 515 abitanti della città metropolitana di Firenze in Toscana. Il suo territorio si estende tra Val di Pesa, Val d’Elsa e Val di Virginio. Sono molti i fiorentini che vengono ad abitare in questa cittadina, in quanto è relativamente vicina (20/25 km), e nello stesso tempo permette di vivere lontano dall’inquinamento urbano.


Sito Comune


-TRADIZIONI POPOLARI-

Mostra del Chianti

Si tratta certamente di una delle più antiche manifestazioni dedicate al vino nella nostra regione: la prima edizione risale infatti alla fine degli anni ’50. Protagonista indiscusso della mostra è il Vino Chianti, certamente il più importante dei vini toscani.
Agli inizi era solo una sagra paesana, alla quale partecipavano solo poche aziende. Venivano allestiti carri allegorici da vari enti e associazioni e la mostra durava soltanto un giorno. Nel corso degli anni la manifestazione ha assunto sempre maggiore rilievo, vedendo progressivamente aumentare il numero delle aziende vitivinicole partecipanti e attirando un crescente numero di visitatori spinti a Montespertoli dalla curiosità di assaggiare e apprezzare i migliori vini della zona.
Piazza del Popolo rappresenta il palcoscenico principale della kermesse con i padiglioni per le degustazioni dei vini e gli stand delle associazioni del territorio che propongono specialità gastronomiche con prodotti tipici locali.
L’evento è arricchito da una molteplicità di iniziative con concerti, spettacoli, sfilate di ogni genere e per tutte le età.

Festival delle narrazioni popolari (e impopolari)

ABSTRACT DEL FESTIVAL
Il primo Festival ‘diffuso’ sulle narrazioni e lo storytelling che mette al centro i cittadini con i propri racconti. Un Festival che attraverso le storie ‘di vita comune’ prova a ricostruire le connessioni tra le comunità, a rigenerare la capacità di ascolto e a cementare l’empatia. Perseguendo le linee guida scientifiche del Museo Diffuso – teorizzate negli anni Settanta dai museologi francesi Georges Henri Riviére e Hugues de Varine che sostituirono ai parametri tradizionali il patrimonio, il territorio e la comunità – il Sistema Museale dell’Empolese Valdesa e l’Associazione Yab, attraverso il Festival, si pongono l’obiettivo di musealizzare il concetto di comunità. In un momento storico dove le connessioni interpersonali sono filtrate dalla virtualità delle comunicazioni, portare alla luce racconti di vita quotidiana, diventa un’opera non solo culturale ma di assoluto impatto sociale. La parola raccontata dal vivo come mezzo di rigenerazione dei territori, come supporto contemporaneo alla valorizzazione dell’identità e come strumento di relazione.

CLICCA QUI PER VISITARE IL SITO DEL MUDEV(Museo Diffuso Empolese Valdelsa)

Clicca per accedere all’estratto del libro relativo a Montespertoli😉



Video Festival delle narrazioni (e impopolari)

-SOGGETTI E ISTITUZIONI DEL TERRITORIO-

Gruppo '900 Novecento

Clicca qui per andare sul sito del gruppo 900

Il gruppo Novecento nasce nel 2007 in occasione della 50° Mostra del Chianti di Montespertoli con la realizzazione della prima sfilata storica.

SFILATA RIEVOCATIVA


La sfilata storica, che si svolge tradizionalmente nella domenica conclusiva della Mostra del Chianti, rievoca la vita del paese di Montespertoli nell’arco temporale 1910-1930, riproducendola in modo più fedele possibile alla realtà.
L’economia del paese di Montespertoli era, in quegli anni, a vocazione agricola con il contratto a mezzadria che ne regolava tutti i rapporti, la sfilata ricostruisce gli usi, i costumi e i mestieri portandoli in “Piazza Nova” o come si chiamava allora piazza Umberto I° per la festa del paese a fine Maggio. La rievocazione è intimamente legata alla storia del nostro territorio e ha una forte valenza culturale, ha attirato nuovi flussi turistici e ha innescato nella cittadinanza una sentita gara alla partecipazione come “figurante” attivando sopiti sentimenti di appartenenza. Alla Sfilata partecipano tutti i personaggi dell’epoca, dai “Padroni” al “Contadino” passando per il parroco, il dottore, il sindaco e così via. Nel corteo i personaggi sono intervallati con carri trainati da magnifiche “Bestie” maremmane e chianine. La ricerca e la riproduzione degli abiti e degli accessori usati nella nostra “sfilata” è filologicamente corretta. Per realizzarli ci siamo avvalsi di fotografie dell’archivio comunale e dell’archivio Alinari. Tutti i mezzi di locomozione della sfilata, biciclette carri e carretti, sono rigorosamente d’epoca. Durante la ricerca di materiale antico si è rivelata l’opportunità di recuperare biciclette e tricicli da passeggio e da lavoro sempre dell’epoca 1910-1930. Con queste abbiamo creato un gruppo, unico in Italia, di personaggi d’epoca ognuno con la propria bicicletta originale.

RIEVOCAZIONE STORICA DELLA BATTITURA A FERMO


La manifestazione è nata per rievocare l’antica tecnica della battitura a fermo, ricordando le tradizioni contadine tipiche di questo territorio. La “battitura” era il giorno del raccolto, ma anche un giorno di festa per tutte le famiglie del vicinato che si ritrovano sull’aia in una sorta di scambio solidaristico di manodopera e di condivisione di un momento di convivialità. L’evento vuole anche valorizzare il pane di Montespertoli realizzato con i grani antichi, produzione tipica riscoperta negli ultimi anni grazie alla coltivazione di antiche varietà di grani e all’utilizzo di metodi di produzione tradizionali.
L’edizione 2019 si svolgerà presumibilmente e il 4 agosto, ma la data è da confermare.

-PUBBLICAZIONI-

Translate »